Corporate Products Support Library Purchasing Contact Home



Salinity

Non tutti i sali sono uguali

Giovedì 24 ottobre 2013  



Gli elementi di partenza per una buona riuscita della ricreazione di un angolo di barriera nel proprio acquario sono due: purissima acqua di osmosi ed un sale di alta qualità. Ed è proprio di uno dei sali in commercio, uno dei tanti o forse unico, del quale parleremo. Il compito del sale non è affatto semplice, dover ricreare un acqua quanto più vicina all’acqua marina naturale non è cosa facile e magari sarà impossibile eguagliare madre natura, ma si capisce facilmente come questo sia uno dei punti cardine per il successo nel reef-keeping ed una delle principali preoccupazioni per l’acquariofilo.

Come detto, in questo articolo parleremo di un sale davvero particolare già apprezzato da moltissimi acquariofili ma forse non ancora conosciuto da tutti: il “Salinity” della Seachem.






Dopo anni di studio, con dati raccolti da tutti i mari e gli oceani, la Seachem, ha centrato il punto medio del  range ideale per ogni elemento , inoltre il sale ha la stessa concentrazione di anioni e cationi che si trova nell’acqua marina naturale.

Ogni secchio di sale ha le proprie analisi di laboratorio riportate sul retro, e la Seachem garantisce al 35‰ di salinità questi  valori nei rispettivi range:

calcio: 422 mg / L, range 400-443 mg /

Livello di  di magnesio 1336 mg / L, range 1269-1403 mg / l

 livello di stronzio:  8,4 mg / L, range di 8,0-8,8 mg / L

 pH: 8,4-8,6 

Alcalinità: 3,2-3,8 mEq / L

Nella nostra vasca, da circa 110 litri, cambiandone 10  a settimana e integrando con i prodotti Seachem “Reef Fusion 1” e “Reef Fusion 2” a giorni alterni, abbiamo misurato più volte una triade pressoché perfetta:

calcio 420 alcalinità 3.5 mEq/L e magnesio 1300

La differenza principale  tra il “Salinity” e gli altri Sali in commercio, è che esso è un sale anidro, ovvero che non contiene umidità. Questo, oltre a dare una maggiore garanzia sui parametri visti sopra,  permette di usare 36.3 grammi per litro ( a fronte di almeno 38 per altri Sali) per ottenere la salinità ottimale al 35‰.

Perché scegliere il “Salinity”? È questa la domanda a cui rispondiamo, riportando l’esperienza che abbiamo avuto: questo sale, oltre a garantire un ottima stabilità di valori, soprattutto se usato insieme a tutto il protocollo “Acqua Vitro” della Seachem, riesce letteralmente a colorare i coralli, creando un esplosione di colori e vivacità degli stessi dopo solo pochi cambi.

Ecco alcune foto dei coralli dopo qualche cambio col salinity:



Euphyllia (PRIMA) Euphyllia (DOPO) con un verde molto più acceso




Montipora (PRIMA) Montipora (DOPO) ritornata al suo viola originario





Verde quasi fluo di questa Malampaya




La nostra esperienza è più che positiva con il Salinity e il prezzo, forse un pelino più alto  rispetto agli altri Sali in commercio, è giustificato dai risultati che si ottengono.

Come detto sopra, il punto di partenza per ottenere un acquario in “salute” e con delle colorazioni naturali è il risultato di due principi fondamentali:  acqua e sale.

Quindi, a buon intenditor poche parole…

                                                                                                               … Enjoy your reef

- By Carlo Caianiello -